www.forzanovara.net - sito non ufficiale on-line dal 12.09.2000

Home

Risultati

Classifica

Calendario

La Rosa

Tecnici

Società

Storia

Stadio

Link

Muro 

Redazione

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: martedì 12 novembre 2019 - 17:06 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

» News

   Novara Calcio
   Rubriche
   Interviste
   Info dalla Società
   Calciomercato
   News dai Tifosi
   Archivio foto
   Comunicati Lega
 

» Novara Calcio

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord



La tabaccheria del tifoso
.


Dr. Andrea Clementoni - Chiropratico

.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30


.

» Sondaggio
Sei soddisfatto dal calciomercato?

SI
NO






.
Seguici su Twitter

Il punto della 24a Giornata
Articoli correlati
Il Fedelissimo di Novara - Pisa
• Leggilo qui in anteprima
Novara - Empoli: i precedenti
• uno sguardo ai match del passato
domenica 01 marzo 2009 - 21:49
di Giovanni Chiorazzi

Ironia della sorte… di fronte ad una delle prestazioni più belle degli azzurri di tutta la stagione ed un pareggio a reti bianche che lascia tanto (forse troppo) amaro in bocca, il Novara esce momentaneamente dalla zona play-off, assestandosi al settimo posto in classifica in compagnia del Padova. Una situazione che non si era mai verificata, neppure a seguito delle ultime performance non poco esaltanti degli azzurri, che avevano comunque sempre mantenuto almeno il quinto posto.
Questa volta, a differenza delle ultime gare di campionato disputate, gli uomini di Notaristefano hanno fornito una prova di carattere, per tutto l’arco dell’incontro, alla quale è però venuta meno un gol, che avrebbe sancito una vittoria meritata e mantenuto gli azzurri fra le prime posizioni.
Tanti gli errori sotto porta da parte di Rubino e compagni, che sommati ad una piccola dose di sfortuna (palo colpito da Centurioni in mischia, su azione di calcio d’angolo), contribuiscono da una parte a mantenere vive le speranze di tornare ai livelli di inizio stagione, ma dall’altra accrescono i rimpianti per i troppi punti gettati al vento, specie negli ultimi due mesi, al cospetto di avversari tecnicamente di pari livello, se non inferiore.
Nonostante tutto va sottolineato come non fosse semplice imporsi in casa di una delle squadre più in forma del campionato, che in casa ha raccolto la maggior parte dei propri punti e che nelle ultime sei gare interne aveva sempre vinto. Ad imporre il proprio gioco nella partita odierna, invece, è stato questa volta il Novara. Mister Notaristefano si conferma tecnico coraggioso ed inflessibile, al punto da impiegare inizialmente il giovane Piraccini al posto di Porcari, subentrato solo nella ripresa. La grande mole di gioco prodotta e le numerose occasioni favorevoli, sono una conferma delle scelte azzeccate del tecnico azzurro, che dimostra di non avere punti fermi nel suo scacchiere con la sostituzione di capitan Rubino, per Lanteri, dopo appena tre minuti di gioco del secondo tempo.
Il Novara ha avuto il pregio di scendere in campo molto motivato ed a una prima fase di studio dell’avversario ha fatto seguire un autentico predominio territoriale, che ha avuto il suo massimo sfogo dalla mezzora del primo tempo fino alla metà della ripresa, quando inevitabilmente la stanchezza per le energie profuse si è fatta sentire ed ha permesso ai padroni di casa di abbozzare una timida reazione.
Come era già avvenuto per l’ultima gara contro il Ravenna, il risultato odierno accontenta solo in parte i tifosi azzurri, che non gioiscono più per una vittoria dalla gara esterna contro la Sambenedettese. Da lì in avanti sei partite, tre pareggi e tre sconfitte. Un ruolino di marcia poco fruttuoso ed incoraggiante, che alla fine è costato caro agli azzurri, i quali dovranno ritrovare subito una serie positiva di risultati per recuperare posizioni in classifica. Una piccola curiosità è quella che, nel corso dell’attuale stagione, lo 0-0 era scaturito soltanto in occasione della partita in casa del Lecco.
A dieci giornate dalla fine del campionato la situazione in classifica appare ancora molto ingarbugliata. A differenza delle altre stagioni, infatti, il divario fra zona play-off e play-out si è notevolmente assottigliato, a dimostrazione di come il valore delle squadre sia uguale fra loro e non vi sia una compagine più forte in assoluto. Sette punti di differenza per passare dalla quinta posizione, (con la possibilità di uno spareggio per la Serie B), al quint’ultimo posto (e relativo spareggio per non retrocedere). Agli azzurri non è più permesso commettere errori anche in virtù di questo aspetto, ma in aggiunta a tutto ciò sarà necessario ritrovare fin da subito una vittoria, dato che a mio avviso è l’unica soluzione per uscire definitivamente dalla crisi e segnare in modo decisivo il proprio riscatto, per un finale di stagione che si prospetta infuocato. Negli altri risultati della giornata la capolista Pro Patria, (avversaria degli azzurri alla ripresa di campionato, in programma dopo la sosta di domenica prossima), non va oltre il pareggio per 2-2 contro la Cremonese, (che invece sarà di scena al “Silvio Piola” domenica 8 marzo, nell’incontro valido per la semifinale di ritorno di Coppa Italia). Una gara per molti versi bella ed avvincente, che permette ai bustocchi di mantenere la leadership, grazie anche alla sconfitta del Cesena per 1-0 sul campo del Pergocrema ed al pareggio interno della Reggiana. Proprio il Pergocrema, grazie al successo odierno, supera gli azzurri di un punto ed affianca il Ravenna in classifica, che con un perentorio 2-0 si impone sul Verona. Il Padova coglie una vittoria sul campo del Venezia per 1-0, in un derby veneto molto sentito e combattuto. Anche il Lumezzane, col medesimo risultato, trova un successo esterno in casa della Spal, che frena così bruscamente la cavalcata della squadra ferrarese. Al Legnano basta un gol per aver ragione della Pro Sesto e mantenere vive le speranze di salvezza. Lecco e Monza si dividono la posta in palio con un pareggio per 1-1, mentre chiude l’analisi l’altro pareggio a reti bianche della giornata fra Sambenedettese e Portogruaro.
Domenica, nonostante il turno di sospensione del campionato, per il Novara ed i suoi tifosi ci sarà modo di emozionarsi con il ritorno della semifinale di Coppa Italia, in programma al “Piola” contro la Cremonese. Un successo sarebbe fondamentale per ridare fiducia all’ambiente, dimostrando che la squadra ha assorbito integralmente il periodo negativo e si appresta a concludere al meglio questo finale di stagione.

Per continuare ad incitare insieme: Fino alla fine, Forza Novara !!!

Giovanni Chiorazzi

.

Seguici su Facebook
.

Ore d'Oro

.

.

» Ultime News
Sbraga: "Contento di aver scelto Novara"
• Classifica? "Non la guardiamo"
Designazioni Arbitrali 15°giorn.
• Cosso per OlbiaNovara
Numeri a Confronto...
• ...di Olbia-Novara
Olbia-Novara e...
• ...quel gemellaggio durato 14 anni
Barbieri e l'Italia Under 17...
• ...fuori dal Mondiale
All.Cong: Novara-Acc.Pavese S.Genesio
• giovedì pom. a Novarello
Programma Allenamenti Azzurri
• verso Olbia-Novara
L' Editoriale Azzurro
• di Massimo Barbero


Dieci anni di gioie azzurre!
• 15 Giugno 2003: il Novara dopo un match vietato ai deboli di cuore, conquistò la promozione in C1...
Buon Compleanno Cuori Azzurri!
• Due anni fa la storica, stupenda promozione in serie A



NovaraChannel.Tv


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



 

 Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato al Novara Calcio e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara - All Rights Reserved-Copyright © 2015-2020  -  email info@forzanovara.net
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel