www.forzanovara.net - sito non ufficiale on-line dal 12.09.2000

Home

Risultati

Classifica

Calendario

La Rosa

Tecnici

Società

Storia

Stadio

Link

Muro 

Redazione

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: venerdì 22 novembre 2019 - 13:03 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

» News

   Novara Calcio
   Rubriche
   Interviste
   Info dalla Società
   Calciomercato
   News dai Tifosi
   Archivio foto
   Comunicati Lega
 

» Novara Calcio

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord



La tabaccheria del tifoso
.


Dr. Andrea Clementoni - Chiropratico

.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30


.

» Sondaggio
Sei soddisfatto dal calciomercato?

SI
NO






.
Seguici su Twitter

Editoriale del 04.09.2011
Articoli correlati
Il Fedelissimo di Novara - Pisa
• Leggilo qui in anteprima
Novara - Empoli: i precedenti
• uno sguardo ai match del passato
domenica 04 settembre 2011 - 12:31
di Massimo Barbero

La serie A è questa! Ci capiterà molto spesso di imbatterci in attaccanti come Mutu, capaci di capitalizzare ogni pallone giocato e di spostare l’inerzia di una gara dall’alto della propria classe superiore. Sabato, per qualche minuto, ho avvertito la stessa sensazione di scoramento che avvertivo nei tempi bui della C2 quando andavo ad assistere, pieno d’entusiasmo, alla prima gara casalinga agostana di coppa e mi accorgevo che gli avversari erano fuori portata… Mi ricordo di un Novara-Biellese 0-3 ed ancora di un  Novara-Pro Vercelli con i bianchi in vantaggio al primo minuto e noi incapaci di tirare in porta per tutta la gara…

Stavolta, però, ci è bastato prendere le misure. Poi la squadra di Tesser ha tirato fuori la grinta ed il gioco che ci hanno esaltato per un biennio. Due campionati consecutivi non si vincono per caso e chi ha dentro il Dna del protagonista lo tira fuori sempre, a Solbiate Arno come al “Santiago Bernabeu”, pur nel rispetto dei diversi valori tecnici. L’intervento di Comotto su Giorgi (pessimo Gallione nel non autorizzare l’ingresso in campo dei sanitari a gioco fermo) ha fatto capire a tutti quanti che non si trattava di un passerella, ma di una gara vera contro un avversario sufficientemente motivato. Pesce ha ringhiato addosso a Comotto, dando la carica a pubblico e compagni per un buon finale di tempo. L’inerzia positiva è durata fino al meritato pareggio di Granoche. Poi è cominciato il walzer delle sostituzioni che hanno un po’annacquato il valore tecnico della gara. Le prodezze di Mutu e Mazzarani sarebbero state meno “semplici” in una partita ufficiale.

In realtà l’amichevole con i bianconeri ha evidenziato un aspetto tattico che verosimilmente caratterizzerà l’intera stagione. In A Morganella e Gemiti hanno bisogno di una protezione adeguata per reggere il confronto con esterni avversari di qualità ben superiore rispetto a quelli che affrontavamo l’anno passato. Ma questo è un problema di molte squadre. Lo scorso anno Del Neri ha alternato invano tutti i laterali a propria disposizione, senza riuscire mai a “blindare” adeguatamente le fasce.

Quelli che sabato rumoreggiavano per le opportunità non sfruttate da Meggiorini sono gli stessi che nel 2008 sostenevano che Bertani fosse un attaccante da 5 gol a campionato. Invece le reti di una punta non nascono mai per caso. Sono il frutto di una delicata alchimia fatta di equilibri tattici e della giusta serenità data da mister squadra ed ambiente. Quest’anno Tesser ha molte più alternative rispetto all’anno passato quando le scelte in attacco erano quasi obbligate. E’ un vantaggio, ma potrebbe essere uno svantaggio se non riuscissimo a tenere tranquilli coloro che vanno in campo, invocando sempre chi sta in panchina.

Domenica spero di vedere un “Bentegodi” colorato in gran parte d’azzurro. E’ un’occasione da non perdere: una trasferta vicina e relativamente tranquilla (senza problemi particolari di biglietto) per il nostro debutto in serie A. Il 5 febbraio 1989 una doppietta di Fiorio mutò il destino delle due società: sorpasso gialloblu in classifica e fuga verso la C1, prima tappa dell’approdo al grande di calcio di un club allora sconosciuto. Ad oltre 21 anni di distanza ci siamo anche noi… Ne abbiamo fatta di strada per arrivarci… Ora godiamocelA… Forza Novara sempre!

.

Seguici su Facebook
.

Ore d'Oro

.

.

» Ultime News
Arezzo: Gori si allena a parte...
• ...ma lunedì sarà regolarmente in campo
Berretti: Lecco-Novara
• Big match per gli azzurrini...
Ghirelli: "Novara, punto di riferimento per sviluppo vivaio"
• fonte: tuttoc
Rivivi "Azzurri in Radio"!
• con mister Banchieri (il video della nona puntata)
Festa di Natale 2019 con il Coordinamento
• Al Gallè di Galliate (tutte le info)
Prevendita biglietti Arezzo-Novara
• Tutte le info per il settore "ospiti"
Designazione Arbitrale
• scelta la terna di Arezzo-Novara
Presentata la stagione del Novara For Special
• fonte: Novaracalcio.com


Dieci anni di gioie azzurre!
• 15 Giugno 2003: il Novara dopo un match vietato ai deboli di cuore, conquistò la promozione in C1...
Buon Compleanno Cuori Azzurri!
• Due anni fa la storica, stupenda promozione in serie A



NovaraChannel.Tv


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



 

 Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato al Novara Calcio e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara - All Rights Reserved-Copyright © 2015-2020  -  email info@forzanovara.net
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel