www.forzanovara.net - sito non ufficiale on-line dal 12.09.2000

Home

Risultati

Classifica

Calendario

La Rosa

Tecnici

Società

Storia

Stadio

Link

Muro 

Redazione

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: lunedì 20 gennaio 2020 - 00:16 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

» News

   Novara Calcio
   Rubriche
   Interviste
   Info dalla Società
   Calciomercato
   News dai Tifosi
   Archivio foto
   Comunicati Lega
 

» Novara Calcio

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord



La tabaccheria del tifoso
.


Dr. Andrea Clementoni - Chiropratico

.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31


.

» Sondaggio
Sei soddisfatto dal calciomercato?

SI
NO






.
Seguici su Twitter

Il punto della 23a Giornata
Articoli correlati
Il Fedelissimo di Novara - Pisa
• Leggilo qui in anteprima
Novara - Empoli: i precedenti
• uno sguardo ai match del passato
martedì 09 febbraio 2010 - 09:49
di Giovanni Chiorazzi

Missione compiuta: anche l’insidioso “derby del Piemonte” contro l’Alessandria è stato brillantemente affrontato e superato dagli azzurri, che allungano il distacco in classifica sulla Cremonese a ben sette punti di differenza, quando al termine della stagione mancano soltanto undici partite. Un segnale importante, forte, ben mirato nei confronti di tutte le rivali più accreditate. Certo, la formazione grigiorossa su tutte, ma anche Arezzo, Varese, Benevento. Tutte reduci da pareggi che contribuiscono a rendere ancor più importante l’impresa siglata al “Moccagatta” di Alessandria.
Non era compito facile imporsi sul campo ostico della compagine mandrogna. I “grigi” hanno mantenuto fede a quanto dichiarato nei giorni antecedenti la sfida, offrendo una buona coreografia ed un tifo incessante per tutta la gara, che ha dato origine ad un clima molto teso fin dalle battute iniziali. La differenza di valori in campo è risultata però la chiave di svolta della gara, sbloccata dalla trasformazione di un calcio di rigore che, in quanto assegnato dal direttore di gara, avrebbe dovuto comportare l’espulsione dell’estremo difensore dei padroni di casa. In questo modo, invece, il regolamento è stato applicato solo in parte, sollevando contestazioni da ambo le parti per ovvi motivi. Contestazioni che sono perdurate per tutto l’incontro, a cominciare dall’espulsione di Porcari sul finire del primo tempo, per un fallo sicuramente da sanzionare ma, obiettivamente, in modo meno duro di quanto avvenuto. Ad onor del vero, comunque, va detto che il giocatore ha certamente sbagliato a commettere un’ingenuità del genere, specie in una zona del campo dove non era indispensabile una simile condotta. Un aspetto sul quale Mister Tesser dovrà lavorare per non imbattersi più in situazioni analoghe.
Dicevamo, quindi, di un direttore di gara parso non all’altezza di un match sentito e delicato come quello in programma. L’Alessandria, scesa in campo con il chiaro intento di offrire una buona prestazione e fermare la marcia della capolista Novara, ha impegnato seriamente gli azzurri, seppur con occasioni a proprio favore non rilevanti, ma con un agonismo acceso ed una grande voglia di mettersi in mostra. Caratteristiche che, da qui alla fine, si ripeteranno con tutti gli avversari che il Novara affronterà sul proprio cammino, sia in considerazione del fatto che la competizione è entrata nel vivo della stessa, sia per l’orgoglio di potersi confrontare con una squadra di alto valore. Una qualità che in questa stagione accomuna tutti i ragazzi a disposizione di Tesser, nessuno escluso. Emblematico capitan Rubino, consapevole di non poter prendere parte alla sfida, sgolarsi dalla panchina nel dare aiuti e consigli ai propri compagni in campo. Una dimostrazione di come tutti remino nella stessa direzione, con un unico obiettivo comune. Anche da parte dell’Alessandria vanno fatte considerazioni positive, come le dichiarazioni rilasciate dal presidente Gianni Bianchi e dall’allenatore Francesco Buglio, che in maniera molto sportiva hanno ammesso la superiorità tecnica della formazione azzurra e si sono rammaricati per non aver potuto offrire alcuna gioia ai propri tifosi.

Il valore aggiunto di questo Novara lo ha fornito, ancora una volta, la singolare prestazione di tutti i giocatori impegnati. Quando si ha il lusso di poter schierare contemporaneamente giocatori del calibro di Rigoni, Motta, Bertani, concedersi la possibilità di sostituire Ventola per riorganizzarsi in campo dopo l’espulsione di Porcari e lasciare in panchina uomini come Rubino e Gonzalez (solo per fare degli esempi lampanti), sarebbe ipocrita non pensare di voler raggiungere grandi obiettivi in tempi celeri. Tutto questo, però, rappresenta una stupenda realtà perché è quanto sta avvenendo. Ventitré partite in cui la Maglia Azzurra è stata onorata come meglio non si poteva. E’ giunta l’ora che anche la città, dalle istituzioni all’imprenditoria locale (e non solo per furbeschi motivi politici…), si renda conto di questo potenziale e di quanto richiamo possa offrire ciò all’intera città di Novara. A questo proposito va ricordato che ancora ieri sera, di fronte a tutta Italia, gli azzurri hanno rappresentato i nostri colori con una prestazione eccellente. Una soddisfazione che i tifosi del Novara meritano per la pazienza e la fede dimostrata in stagioni, sicuramente meno brillanti di quella attuale. Personalmente sono contento anche per mister Tesser, che sta avendo il pregio di gestire al meglio il potenziale a sua disposizione e, al tempo stesso, si è ampiamente riscattato per le sue precedenti esperienze come allenatore, conclusesi in maniera poco felice. Un premio che lo stesso merita, perché oltre ad aver dimostrato esperienza e professionalità, si è in primo luogo rivelato una grande persona.
Come accennato in precedenza, i contemporanei pareggi negli scontri diretti fra Arezzo e Cremonese (2-2) e Varese e Benevento (1-1), contribuiscono ad una vera e propria “fuga” del Novara in classifica, che raggiunge quota 53 punti e si porta a sette lunghezze di distanza dalla Cremonese, in seconda posizione. La marcia del Lumezzane si interrompe sul campo di Sorrento, in un altro pareggio (sempre per 2-2), giunto però in questo caso solo nei minuti di recupero. Monza e Perugia terminano il loro confronto nell’unico pareggio a reti bianche della giornata, mentre il risultato più eclatante è rappresentato dalla vittoria esterna del Lecco, sul campo del Foligno, con il risultato di 3-2. Questo successo permette, infatti, alla formazione blù-celeste di portarsi fuori dalla zona play-out, superando in classifica proprio la compagine umbra. Altra vittoria esterna quella del Figline, per 2-0, al “Sinigaglia” di Como. In questo caso nulla da dire, se non che la situazione dei lariani resta decisamente critica. Il Pergocrema supera il Viareggio per 2-0, ma il risultato non deve far illudere: il primo dei due gol per i padroni di casa è infatti giunto a cinque minuti dal termine. Chiude l’analisi il ritorno alla vittoria per la Pro Patria, allo “Speroni” di Busto Arsizio, per 2-1 sulla Paganese, “fanalino di coda”.

Proprio contro la formazione “bustocca” sarà impegnato il Novara alla ripresa del campionato, dopo la sosta prevista per domenica prossima. Un altro derby, questa volta “del Ticino”, attende i tifosi azzurri, che dovranno dimostrare di essere pronti a ben altri palcoscenici. Non solo per quanto concerne le qualità in campo.

Forza Novara sempre !

Giovanni Chiorazzi

.

Seguici su Facebook
.

Ore d'Oro

.

.

» Ultime News
Chi Sale/Chi Scende
• dopo Lecco-Novara
Video intervista al DS Urbano...
• ...al termine dell'incontro
Mister Banchieri nel post gara
• dalla mix-zone del Rigamonti-Ceppi
Lecco-Novara 3-2: il tabellino del match
• i numeri dell'incontro
Lecco-Novara: le formazioni ufficiali
• ecco le scelte di D'Agostino e Banchieri
La Probabile Formazione Azzurra
• per Lecco-Novara
Lecco-Novara: la Radiocronaca Integrale
• su Radio Azzurra FM
Verso Lecco-Novara...
• i convocati e le parole di mister D’Agostino


Dieci anni di gioie azzurre!
• 15 Giugno 2003: il Novara dopo un match vietato ai deboli di cuore, conquistò la promozione in C1...
Buon Compleanno Cuori Azzurri!
• Due anni fa la storica, stupenda promozione in serie A



NovaraChannel.Tv


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



 

 Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato al Novara Calcio e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara - All Rights Reserved-Copyright © 2015-2020  -  email info@forzanovara.net
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel