www.forzanovara.net - sito non ufficiale on-line dal 12.09.2000

Home

Risultati

Classifica

Calendario

La Rosa

Tecnici

Società

Storia

Stadio

Link

Muro 

Redazione

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: mercoledì 20 novembre 2019 - 17:19 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

» News

   Novara Calcio
   Rubriche
   Interviste
   Info dalla Società
   Calciomercato
   News dai Tifosi
   Archivio foto
   Comunicati Lega
 

» Novara Calcio

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord



La tabaccheria del tifoso
.


Dr. Andrea Clementoni - Chiropratico

.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30


.

» Sondaggio
Sei soddisfatto dal calciomercato?

SI
NO






.
Seguici su Twitter

Il punto della 13a Giornata
Articoli correlati
Il Fedelissimo di Novara - Pisa
• Leggilo qui in anteprima
Novara - Empoli: i precedenti
• uno sguardo ai match del passato
domenica 23 novembre 2008 - 19:17
di Giovanni Chiorazzi

Una gara in salita per gli azzurri, come già era successo in altre circostanze nel corso della stagione, ma alla quale stavolta Rubino e compagni hanno risposto alla grande, dimostrando di avere ottime qualità e di non arrendersi mai di fronte ad alcun imprevisto.
Il gol subito dopo appena tre minuti di gioco, avrebbe potuto ripercuotersi negativamente sull’andamento della gara, condizionandola e rendendo il gioco degli azzurri meno incisivo del solito. Così è stato, ma fortunatamente solo per la fase iniziale dell’incontro. Con il passare dei minuti, infatti, il Novara ha preso sempre più consistenza e fiducia nei propri mezzi, costringendo gli ospiti ad arretrare il proprio baricentro e limitarsi ad azioni di rimessa.
Va sottolineato che, nella formazione titolare, erano oggi assenti “uomini cardine” dello scacchiere azzurro. A cominciare dalla difesa, dove entrambi i centrali di ruolo, Centurioni e Ludi, non hanno potuto prendere parte all’incontro per infortunio. Al loro posto un’inedita coppia difensiva centrale, composta da Gheller/Lorenzini, che ha circoscritto i danni nei limiti delle loro potenzialità e dell’intesa fra i giocatori. A centrocampo, l’assenza per squalifica di Fabio Gallo ha evidenziato quanto sia importante il giocatore negli schemi della formazione di Notaristefano, che senza il suo apporto perde quella fantasia e l’estro necessari a creare pericoli in avanti, soprattutto quando l’avversario decide d’impostare una gara chiusa senza scoprirsi, come avvenuto nella sfida odierna.
La partita degli azzurri si può scindere in due fasi: la prima, dove gli azzurri hanno avuto un approccio meno spavaldo rispetto alla precedente gara contro il Verona (e contestualmente, la squadra veneta, è risultata assai abile e cinica a concretizzare al meglio l’occasione favorevole nei minuti iniziali). In quest’ottica il Novara ha dimostrato un po’ troppa insicurezza nel reparto arretrato, con numerosi passaggi sbagliati ed una tensione evidente, che ha influito in parte sul rendimento dell’intera squadra. Nella seconda fase, invece, che ha preso forma attorno alla mezzora del primo tempo, gli azzurri sono tornati a convincere, seppur con qualche accorgimento necessario a registrarne l’assetto. La ripresa è apparsa sicuramente più vivace ed intensa, con molte azioni da una parte e dall’altra, che si sono contrapposte alla sfida un po’ blanda della prima parte dell’incontro.
Un merito va speso per tutto il gruppo, che ha dimostrato di saper reagire nel migliore dei modi. Una nota particolare deve essere fatta, però, per Cristian Bertani. Le sue giocate migliorano di gara in gara e l’intesa straordinaria con i suoi compagni di reparto, Rubino e Sinigaglia, è di ottimo auspicio anche per il proseguo del campionato. Per capitan Rubino, invece, il gol messo a segno oggi servirà molto anche a livello psicologico, oltre che premiare il forte attaccante azzurro per l’impegno massimo che dimostra in ogni gara disputata. Infine è giusto sottolineare come Giacomo Brichetto si sia messo in evidenza nel secondo tempo, con tre interventi decisivi su altrettante occasioni ospiti, che lo riscattano ampiamente dal mezzo pasticcio difensivo, in occasione della marcatura che aveva portato in vantaggio i veneti.
Sul direttore di gara preferirei non pronunciare alcun commento, limitandomi ad esprimere un parere: in tante partite osservate è la prima volta che mi capita di vedere che un giocatore, (Chiappara), venga ammonito per attendere a battere un corner, in virtù della presenza di un avversario infortunato in campo. Si spera, quantomeno, che le persone preposte a giudicare l’operato di alcuni arbitri, ne tengano conto per il futuro.
In classifica il Novara torna al secondo posto, ad un solo punto dalla vetta ed alle spalle di Pro Patria, (che non va oltre lo 0-0 interno contro il Verona) e Spal, che conferma l’ottimo stato di salute con la netta vittoria per 3-0 sul campo del Legnano. Il Padova viene scavalcato proprio dagli azzurri, a fronte della sconfitta di misura maturata a Monza contro i padroni di casa. La Reggiana si deve accontentare di un pareggio a reti bianche sul campo del Pergocrema, mentre la Cremonese torna da Ravenna con una sconfitta pesante per 3-1, anche se l’incontro è risultato aperto fino a dieci minuti dalla fine e numerose sono state le proteste, da parte della squadra lombarda, nei confronti del direttore di gara. Nell’anticipo di sabato la Pro Sesto torna alla vittoria per 1-0 sul Lumezzane, con un gol siglato in pieno recupero. Il Venezia abbandona l’ultimo posto in classifica, ora ricoperto dal Portogruaro, grazie alla vittoria interna per 2-1 sul Cesena. Chiude l’analisi la vittoria per 1-0 della Sambenedettese sul campo del Lecco, con un rigore trasformato nel primo tempo.
Gli azzurri possono festeggiare per la vittoria, necessaria a ridare entusiasmo a tutto l’ambiente e mantenersi nelle prime posizioni della classifica, che si conferma essere molto “corta”. Il prossimo impegno, in casa della Spal, rappresenterà un banco di prova per capire le reali potenzialità della squadra, sperando che possano recuperare tutti gli infortunati e la partita possa essere giocata “ad armi pari”. Nel Novara mancherà sicuramente Chiappara che sarà squalificato, mentre per Fabio Gallo si spera che la squalifica di due giornate, assegnata dalla Commissione Disciplinare, possa essere ridotta ad un solo turno. Se così fosse il forte centrocampista azzurro tornerebbe a disposizione, contribuendo a rinforzare la squadra, in una partita che si prospetta emozionante e di considerevole rilevanza.

Forza Novara sempre !

Giovanni Chiorazzi

.

Seguici su Facebook
.

Ore d'Oro

.

.

» Ultime News
Club Fedelissimi in festa...
• ...al "Crepuscolo" di Momo
Quando Udovicich annullò Graziani
• di Gianfranco Capra
Festa Club Fedelissimi Sez.Momo
• domani sera al Bar Crepuscolo
L'editoriale Azzurro
• di Massimo Barbero
Chi Sale/Chi Scende
• dopo Olbia-Novara
La gioia di Tommaso Bianchi...
• ...per i tre punti e gol ritrovato
L'analisi di mister Banchieri...
• ...al termine del match (il video)
Novara: ritrovato il sorriso anche in trasferta!
• Secondo successo consecutivo per gli azzurri....


Dieci anni di gioie azzurre!
• 15 Giugno 2003: il Novara dopo un match vietato ai deboli di cuore, conquistò la promozione in C1...
Buon Compleanno Cuori Azzurri!
• Due anni fa la storica, stupenda promozione in serie A



NovaraChannel.Tv


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



 

 Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato al Novara Calcio e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara - All Rights Reserved-Copyright © 2015-2020  -  email info@forzanovara.net
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel