HOME

RISULTATI

CLASSIFICA

CALENDARIO

SQUADRA

STAFF TECNICO

SOCIETA'

STORIA

STADIO PIOLA

JUNIORES

NAZIONALI

  MURO

REDAZIONE

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: giovedý 26 maggio 2022 - 12:00 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

.

.

.

La tabaccheria del tifoso


.

» TUTTE LE NEWS

   NOVARA FC
   EDITORIALI
   INTERVISTE
   CALCIO MERCATO
   INFO DAI TIFOSI
   ARCHIVIO FOTO
   IL FEDELISSIMO
   RADIO AZZURRA
 

» SPECIALI

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord

..

.PP
.P



L'editoriale Azzurro
Articoli correlati
Vuthaj "siamo forti e miglioreremo presto"
• il pensiero dell'attaccante azzurro oggi in gol
Mister Marchionni nel post gara
• l'analisi del tecnico azzurro
lunedý 17 dicembre 2018 - 21:39
di Massimo Barbero

Pablo, ad appena due giorni dalla firma sul contratto, ha già “segnato il primo gol” della sua terza avventura in azzurro. Sono stati sufficienti infatti il suo ingaggio e la sua presenza in tribuna per riportare un po’ di ottimismo e positività in un ambiente dall’umore sprofondato ai minimi storici dopo la rimonta della Lucchese.

Di solito (non è una regola, ma molto spesso succede così) quando si pensa positivo anche le cose ti girano per il meglio. E ieri ci è girato tutto bene, come non ci succedeva da tempo immemorabile.

Questo Novara-Olbia è durato talmente poco che l’apertura va doverosamente riservata all’evento della settimana: il ritorno di Gonzalez appunto, a due anni e mezzo dall’ultimo 4-0 casalingo (al Modena) che portava il suo sigillo finale.

Per onestà intellettuale sono andato a rileggermi quel che avevo scritto nella tormentata estate 2016 (nei giorni del trasferimento dell’argentino all’Alessandria) e non cambio una virgola degli “editoriali” dell’epoca.

Era un’operazione dolorosa, impopolare, ma che avrebbe potuto avere un senso se i soldi “risparmiati” fossero stati impiegati in sostituti almeno parzialmente all’altezza, in grado di garantirci una continuità in serie B.

Alla luce del rendimento dei vari Sansone, Maniero, Macheda e compagnia briscola… si è rivelata invece un flop da tutti i punti di vista. Anche quello meramente economico.

Sul piano affettivo però devo correggere la rotta. Pablo non è “soltanto” un giocatore molto legato al Novara come avevo sempre saputo. Mi sono reso conto in questi anni che è qualcosa di più, molto di più. È un professionista che, pur svolgendo il suo compito in maniera impeccabile anche altrove, non si è mai tolto la maglia azzurra che indossava sotto la casacca di appartenenza.

L’ha conservata addosso, nella buona e nella cattiva sorte, senza mai perdere la speranza di tornare a sfoggiarla un giorno, nel “suo” stadio.

Sta nascendo un Novara di “bandiere azzurre”: Pablo e forse Buba sul campo, Morganti e Rigoni in società, Ludi e Gattuso con compiti di natura tecnica. Sono loro gli Uomini che ci potranno garantire un futuro ora che l’attuale proprietà sta vivendo un periodo di naturale distacco dopo una dozzina di anni in prima linea.

Ripartiamo ancora dai capitali della famiglia De Salvo (e come potremmo farne a meno?) ma soprattutto da Uomini Azzurri. Uomini che, tra qualche inevitabile momento di sofferenza sportiva, ci hanno regalato gioie impagabili e soprattutto una fedeltà alla causa che non è mai più venuta meno, una volta scoperto il magico mondo del Novara.

Non sono nati con la casacca azzurra addosso (fatta eccezione per Paolo… che ha un esempio fulgido in famiglia) ma una volta che l’hanno indossata non se la sono più tolta. E non vorrebbero togliersela mai più.Chi ama il Novara non dimentica chi per il Novara ha dato tutto.

Ho sofferto nel vedere gente girarsi dal rettilineo a contestare Ludi qualche domenica fa… come se fosse un ds qualunque… giunto da chissà dove. Quel giorno ho temuto davvero che stessimo per disperdere per sempre la nostra identità. Il genuino moto di affetto popolare che ha accompagnato la notizia del ritorno di Pablo mi fa invece sperare che non tutto sia andato disperso.

Un po’ di quel cuore azzurro che batteva ovunque in città la sera della promozione in A batte ancora in tanti tifosi che aspettano solo una scintilla per tornare ad entusiasmarsi, a vivere la passione da stadio come ai bei tempi…

Torniamo a Novara-Olbia. Sul 2-0, per un attimo, ho temuto di rivivere la beffa vissuta contro la Lucchese la scorsa settimana. Di fronte alla prevedibile reazione dei sardi la nostra squadra mi sembrava molle nei contrasti, impaurita.

E’ stata questione di un istante (con salvataggio decisivo ad un passo della nostra porta) poi le urla di Guidetti dalla panchina ci hanno restituito un Novara equilibrato, convinto, in grado di giocarsela almeno alla pari in mezzo al campo, con gli uomini giusti al posto giusto.Davanti invece non c’era proprio storia. I movimenti dei nostri tre uomini d’attacco hanno messo in grossa difficoltà un Olbia che ha schierato alcuni difensori francamente imbarazzanti. Nico Schiavi sembra l’uomo adatto per fare da collegamento tra centrocampo ed attacco, per creare superiorità numerica e non lasciare Cacia ed Eusepi abbandonati al loro destino ed ad assistente sbandieratori incalliti, come era successo in passato, specialmente in alcune gare casalinghe.

La partita è virtualmente finita sul 3-0. Quel rigore ha rappresentato una mazzata troppo grossa per un Olbia che non è più rientrata in partita. Nell’archiviare una vittoria così netta (e con 9 reti realizzate nelle ultime 3 sfide al “Piola”) è umanissimo avere dei rimpianti per le 3 gare interne nelle quali non siamo stati capaci di segnare nemmeno un gol. Sarebbe bastato così poco…

Dal dopo Gozzano in poi però la nostra squadra obiettivamente sembra in crescita. Da allora ha vinto “solo” 2 partite su 6, ma ha sempre fatto almeno qualcosa in più degli avversari. Nell’ultimo ciclo di gare soltanto il Pisa, in Tim Cup, ci ha creato qualche apprensione nel contesto però di un confronto con diversi cambiamenti, da una parte e dall’altra.

Tra le cosiddette “ripescabili”, il Siena è quella che è partita peggio ed anche quella che ora però sta facendo vedere le cose migliori. Siena e Pisa, dunque, rappresentano due test probanti ed estremamente attendibili per capire se siamo davvero, finalmente, sulla strada giusta...

Non è mai troppo tardi per aggiustare una stagione, l’importante è crederci… Forza Novara sempre!!!

Ps: quando ho cominciato a seguire il calcio Felice Pulici purtroppo non era più il nostro portiere, ma una figurina della Lazio da cercare e conservare con cura. L’ho rivisto a Novarello, cinque anni fa, in una mattinata indimenticabile con Boniperti e Pastorin. Nel momento della tristezza rivolgo una preghiera al cielo ed un pensiero ai famigliari che quella volta l’avevano accompagnato nella “sua” Novara per un evento a cui evidentemente teneva tanto. Lazio-Novara del 12 gennaio sarà più che mai la partita dedicata al “suo” ricordo.

Massimo Barbero

.



.

 Seguici su Facebook

.

 
.

.

» ULTIME NEWS
Domenica sarÓ come una finale!
• Tutti al Piola: obiettivo semifinale Poule Scudetto
Arzignano-Novara 0-1: il tabellino
• successo esterno nella prima gara della p.scudetto
La partita in diretta
• Qui il live di Arzignano-Novara
Le formazioni ufficiali di Arzignano-Novara
• I ventidue scelti da Bianchini e Marchionni
La Probabile Formazione Azzurra
• in vista di Arzignano-Novara, primo match della P.Scudetto
Una bella serata di sport tra Torino e Novara
• gara amichevole per le "Vecchie Glorie"

DATE DA RICORDARE
E' nato il NOVARA FC
• In mattinata la firma dell'atto notarile
Distrutti 113 anni di storia!
• tanti i responsabili di questo scempio
Il sogno si Ŕ avverato: SERIE A !!!
• Un traguardo storico
Ora non Ŕ piu' un sogno: SERIE B !!!
• Un lungo sogno che si Ŕ avverato

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



  Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato alla squadra di calcio della città di Novara e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara on line dal 2000 da un'idea di Carlo Magretti  -  email: redazione@forzanovara.net 
All Rights Reserved - Copyright
© 2000-2025