HOME

RISULTATI

CLASSIFICA

CALENDARIO

SQUADRA

STAFF TECNICO

SOCIETA'

STORIA

STADIO PIOLA

JUNIORES

NAZIONALI

  MURO

REDAZIONE

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: venerdý 20 maggio 2022 - 07:43 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

.

.

.

La tabaccheria del tifoso


.

» TUTTE LE NEWS

   NOVARA FC
   EDITORIALI
   INTERVISTE
   CALCIO MERCATO
   INFO DAI TIFOSI
   ARCHIVIO FOTO
   IL FEDELISSIMO
   RADIO AZZURRA
 

» SPECIALI

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord

..

.PP
.P



L'editoriale Azzurro
Articoli correlati
Vuthaj "siamo forti e miglioreremo presto"
• il pensiero dell'attaccante azzurro oggi in gol
Mister Marchionni nel post gara
• l'analisi del tecnico azzurro
domenica 09 dicembre 2018 - 23:29
di Massimo Barbero

Nel calcio non tutti i risultati hanno una logica.

Questo 2-2 tra Novara e Lucchese obiettivamente non ce l’ha. Se proprio devo sforzarmi di trovare una spiegazione razionale a quello a cui abbiamo assistito al “Piola” devo dire che, alla lunga, gli azzurri hanno patito la mancanza di un difensore (centrale) in più in panchina da spendere per limitare gli attaccanti mandati in campo alla disperata da Favarin.

Nella mezzora finale di testa sulle (poche) palle inattive giocate nella nostra metàcampo la prendevamo sempre loro. Ci sarebbe voluto un Bove da buttare dentro.

Come a Piacenza ed a Pistoia sul 2-0 quando una valanga di palloni scagliati nella nostra area di rigore sono sfociati nel nulla.Tutto qui. Quasi un dettaglio, seppure ahinoi alla fine determinante, nell’economia di un match dominato dalla squadra di Viali che mai è andata in sofferenza. Parole come “cuore” e “carattere” vengono spesso spese in funzione del risultato finale. E non viceversa.

Mi fanno sorridere gli allenatori che dicono “noi ci abbiamo sempre creduto” Perché sul 2-0 a mezzora dalla fine che avresti voluto fare? Andare a casa? E’ ovvio che ci provi… ma la reazione della Lucchese fino al gol di Sorrentino era stata talmente timida da toglierci (forse) persino un po’ di concentrazione e rabbia agonistica.Il fantasma di Carruezzo, improvvidamente rievocato sul “muro” alla vigilia della partita, si è nuovamente manifestato in tutta la propria crudeltà.

Chi ha vissuto da tifoso la beffa di quelle due sfide al “Piola” con la Lucchese, dominate ma non vinte, a metà degli anni duemila, sa bene a cosa ci riferiamo. Ricordo anche un 2-2 al “Porta Elisa” a rovinarci il viaggio di ritorno nella notte dopo la doppietta di un Rubino in polemica “alla Christian Vieri”. Allora aveva pareggiato un difensore di nome Guidi.

Gli almanacchi di lui riportano 4 reti in 4 stagione con la casacca rossonera di cui 2 messe a segno proprio quella sera.Tornando al presente, Favarin ha spianato la strada al Novara con un atteggiamento tattico che ha favorito le ripartenze degli azzurri. Avete visto di quanta libertà ha fruito Ronaldo nell’azione del vantaggio azzurro? Ricordate per caso spazi del genere nelle gare casalinghe contro Pro Patria e Gozzano, avversarie che ci avevano letteralmente soffocato? In un contesto tattico siffatto, al di là delle assenze, Manconi risultava proprio l’elemento ideale per svariare alle spalle di Eusepi e Jacopo è stato bravissimo a svolgere il compito assegnatogli.Falcone si è fatto perdonare la non irreprensibile posizione in occasione dei due gol azzurri negando a Mallamo il 3-0 che avrebbe chiuso i conti ancor prima dell’intervallo.

Il festival degli sprechi è proseguito nel primo quarto d’ora della ripresa. I rimpianti più grossi sono legati ad un’azione insistita stoppata da un passaggio all’indietro di Eusepi e dallo scatto solitario di Mallamo che non ha servito proprio Umberto, appena alle sue spalle.Dopo un’ora di buon calcio era inevitabile che il Novara calasse un po’ e bene ha fatto Viali ad avvicendare un Ronaldo già ammonito con lo scalpitante Fonseca. E bene ha fatto il mister ha ritardare il quarto (e ultimo) cambio perché era indispensabile tenersi una sostituzione da spendere in caso di bisogno. Stavolta Cattaneo non è riuscito ad entrare in partita nella maniera migliore facendoci sentire la mancanza di Manconi. Ma all’80’ nessuno avrebbe scommesso 10 euro sul pareggio di questa Lucchese. Forse nemmeno il grande Antonio Obbedio che questa Lucchese l’ha assemblata, in fretta e furia, superati i problemi societari di luglio.

Non abbiamo fatto nemmeno tempo a preoccuparci che avevano accorciato le distanze senza che ve ne fossero le avvisaglie. Non abbiamo fatto nemmeno tempo a spaventarci che eravamo già sul 2-2. Ed a quel punto… meno male sia finita così perché, a botta ancora calda, rischiavamo di prendere solo altri gol o cartellini pesanti.La frustrazione più grande stasera è legata alla constatazione di aver raccolto sinora sul campo meno punti (17 contro 19) di questa Lucchese apparsa al “Piola” davvero modesta. Se un risultato è legato anche agli episodi ed alle contingenze, dopo 15 giornate la classifica non mente. Evidentemente questo è quello che ci meritiamo perché ci manca qualcosa in termini di concretezza, malizia, lucidità nel sapere gestire anche i momenti meno brillanti.

Se c’è una cosa che la Lucchese vista al “Piola” ci ha insegnato è che i risultati si possono ottenere anche quando è l’avversario a giocare meglio e ad avere la situazione apparentemente in pugno. Sarebbe bastato un golletto (sporco, fortunoso e magari immeritato) nella mezzora finale di alcune delle ben 8 partite pareggiate finora per avere una classifica almeno un po’ più gratificante.

E’ impopolare a dirsi, ma preferisco togliere un po’ di pressione a questo Novara. Vorrei vederlo giocare sempre con la serena convinzione sfoggiata nel quarto d’ora iniziale della ripresa a Chiavari e per lunghi tratti della partita con la Lucchese, senza particolari assilli di classifica e magari trovando il tempo di lanciare qualche giovane. Sono convinto che, lontani dall’ansia da risultato, i risultati arriveranno perché questa squadra, per me, vale ancora più della media di avversarie del campionato. Probabilmente, per diverse ragioni, non vale le prime quattro-cinque battistrada (Entella compresa ovviamente) ed il confronto con le loro vittorie in serie rischia di logorarci mentalmente nonchè di farci perdere ulteriore serenità con conseguenze annesse.

Non c’è un attimo di respiro ed adesso gli impegni in serie stanno diventando davvero fastidiosi e logoranti e ci costano inevitabilmente qualcosa in termini di freschezza ed infortuni. Dopo una domenica così amara non resta che augurarci allora di andarci a prendere altrove ciò che abbiamo lasciato malamente per strada, anche contro la Lucchese…

Forza Novara sempre!!!

Massimo Barbero

.



.

 Seguici su Facebook

.

 
.

.

» ULTIME NEWS
Nuovo DS, l'esito del nostro sondaggio
• I nostri utenti di Instagram hanno votato Zebi
Azzurri in Radio versione "Amarcord"!
• giovedý sera con Attilio Tesser e Paolo Farag˛
Novara: la tua "P.Scudetto" inizia il 25!
• ufficializzata la competizione Nazionale
L'ultima danza di questo super campionato...
• ...raccontata nello speciale di "Cuore Azzurro"
La Festa Azzurra!!!
• Domenica 22 Maggio, in piazza Martiri, con Jerry CalÓ
Novara: chi sarÓ il nuovo Direttore Sportivo?
• diverse ipotesi al vaglio della SocietÓ azzurra

DATE DA RICORDARE
E' nato il NOVARA FC
• In mattinata la firma dell'atto notarile
Distrutti 113 anni di storia!
• tanti i responsabili di questo scempio
Il sogno si Ŕ avverato: SERIE A !!!
• Un traguardo storico
Ora non Ŕ piu' un sogno: SERIE B !!!
• Un lungo sogno che si Ŕ avverato

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



  Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato alla squadra di calcio della città di Novara e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara on line dal 2000 da un'idea di Carlo Magretti  -  email: redazione@forzanovara.net 
All Rights Reserved - Copyright
© 2000-2025