www.forzanovara.net - sito non ufficiale on-line dal 12.09.2000

Home

Risultati

Classifica

Calendario

La Rosa

Tecnici

Società

Storia

Stadio

Link

Muro 

Redazione

 Cerca articolo: Sito Web

Ultimo aggiornamento: lunedì 03 agosto 2020 - 15:38 10 ultimi articoli pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail

» News

   Novara Calcio
   Rubriche
   Interviste
   Info dalla Società
   Calciomercato
   News dai Tifosi
   Archivio foto
   Comunicati Lega
 

» Novara Calcio

 Le partite Azzurre 

 Archivio Campionati

 Protagonisti Azzurri

 La Curva Nord



La tabaccheria del tifoso
.


Dr. Andrea Clementoni - Chiropratico

.
.

» Archivio News
LunMarMerGioVenSabDom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31


.

» Sondaggio
Sei soddisfatto dal calciomercato?

SI
NO






.
Seguici su Twitter

Editoriale del 18/09/2011
Articoli correlati
Il Fedelissimo di Reggio Audace-Novara
• Leggilo qui in anteprima
Novara - Empoli: i precedenti
• uno sguardo ai match del passato
domenica 18 settembre 2011 - 17:10
di Massimo Barbero

Stavolta non è riuscita la solita rimonta. E così all’indomani della partita di Cagliari ci si interroga su quel primo tempo troppo “timido” che ha indirizzato la gara nella maniera migliore per i padroni di casa. Era successo qualcosa del genere l’anno passato a Bergamo (Atalanta) quando avevamo poi pareggiato grazie ad un grandissimo finale. Ed a Reggio Calabria, il venerdì di Pasqua, quando eravamo stati puniti ad una manciata di minuti dal termine… Andando più indietro con la memoria cito anche Benevento, ad un passo dal trionfo in Lega Pro, fino al rigore di Evacuo…

Impensabile schierare 2 punte, un rifinitore come Pinardi ed un interno come Rigoni e scendere in campo (almeno inconsciamente) con la testa rivolta all’obiettivo del nulla di fatto. Con quegli uomini, tutti assieme, devi subito pensare ad offendere, a cercare di castigare l’avversario, quantomeno a mettergli paura. Altrimenti costringi giocatori con altre caratteristiche ad un lavoro di sacrificio che si addice loro decisamente meno. Oltrettutto, senza fare nomi, non mi pare di vedere dalle punte in campo quella stessa applicazione maniacale che coglievo da alcuni loro predecessori almeno nelle gare più belle.

L’attacco è il reparto principalmente sott’accusa in queste ore. Eppure, se guardiamo le cifre, in queste 2 prime gare in A abbiamo segnato esattamente quanto avevamo fatto nelle prime 2 sfide in B (Padova e Triestina) l’anno passato contro avversari di valore decisamente inferiore e con l’aiuto di un rigore (quello di Motta a Padova). Con una sostanziale differenza però. Nelle prime partite nel campionato cadetto le nostre reti erano spesso il frutto di autentiche invenzioni del duo d’attacco… oggi sono il premio per il lavoro collettivo di una squadra che deve sfiancarsi (con il risultato di perdere gli equilibri) per risalire la china. Speriamo che la rete di Morimoto serva a dare morale a lui ed ai compagni di reparto perché i gol sono l’unica medicina possibile delle punte per ogni latitudine. Mi fermo qui. Non avrebbe senso darsi subito al gioco di chi vorrebbe in campo tizio o caio. Queste valutazioni le potremo fare solo più avanti, quando avremo un idea più chiara delle potenzialità nostre ed avversarie.

Le note più positive della trasferta di Cagliari sono giunte dai componenti della “vecchia guardia”. Mi riferisco ai debuttanti Lisuzzo e Rigoni ed anche a Porcari che a Verona aveva zoppicato un po’. Hanno dimostrato che le loro qualità e la loro voglia di vincere rimangono le stesse da una categoria all’altra. Da loro dobbiamo ripartire.

Forse questo fatto di aver cominciato con due trasferte ci ha tolto quella serenità che sarebbe venuta da un risultato di prestigio (o almeno da una bella partita) contro il Palermo. Non deve essere questo il nostro atteggiamento. La salvezza passa dai risultati “pesanti” da conseguire al “Piola” non dai punticini esterni che servono soprattutto per il morale. E nemmeno da sfide come quella con l’Inter apparentemente chiuse. Sono i nerazzurri che hanno tutto da perdere da una sfida del genere, non certo noi. Sono loro che non possono permettersi di sbagliare ancora, noi non potremo farlo ad ottobre quando affronteremo in casa Catania e Bologna o quando andremo a Lecce... Affrontiamo il match con i nerazzurri con la serenità che il nostro calcio può mettere in difficoltà chiunque. E con la coscienza che nulla è impossibile nel magico mondo del pallone…

Martedì sera si giocherà una doppia partita. Quella in campo vedrà i nostri azzurri affrontare multimiliardari che per ora hanno un punto solo in classifica. Ma è importante vincere anche quella sugli spalti. E non mi riferisco certo ad una sfida contro la tifoseria dell’Inter, lontana anni luce per blasone, bacino d’utenza e storia recente. Ma ad una partita per noi stessi, la nostra fede calcistica. Con un tifo caldo e sereno dobbiamo dimostrare di essere degni di quel palcoscenico calcistico che ci è stato negato per oltre mezzo secolo. Mi piacerebbe vedere solo maglie e vessilli azzurri in Curva Nord e non vedere “tifo contro” (di juvenmilanisti prestati alla causa intendo) negli altri settori. E’ un discorso che vale per tutti i confronti contro le grandissime al “Piola”. Non siamo lo sparring partner di turno di un Inter un po’ zoppicante. Siamo il Novara una società che in oltre 100 anni di storia ha sempre avuto il suo posticino tra i professionisti. E che si è riguadagnata un posto tra le grandissime grazie ad un biennio straordinario. Un tempo molto lontano… Novara-Inter decideva addirittura la lotta scudetto… adesso vale quantomeno la dignità di sapere di meritare un posto in serie A. In campo e sugli spalti. Forza Novara sempre!

.

Seguici su Facebook
.

Ore d'Oro

.

.

» Ultime News
Mercato Novara Calcio: Paroutis verso Cipro
• si cerca anche il nuovo "Pinzauti"
L'editoriale Azzurro
• di Massimo Barbero
Novara Calcio: depositata l'iscrizione
• ora palla al calciomercato e al ritiro estivo
Calciomercato Estivo 2020
• acquisti/cessioni
Il Novara e la lista giocatori
• al lavoro per programmare la stagione 2020/2021
L'editoriale Azzurro
• di Massimo Barbero
L'incomprensibile decisione della Lega Pro...
• ...sul regolamento "minutaggi"
Comunicato Novara Calcio
• Un tesserato positivo al COVID 19


Dieci anni di gioie azzurre!
• 15 Giugno 2003: il Novara dopo un match vietato ai deboli di cuore, conquistò la promozione in C1...
Buon Compleanno Cuori Azzurri!
• Due anni fa la storica, stupenda promozione in serie A



NovaraChannel.Tv


 

» Newsletter


Iscriviti
Cancellati
 



 

 Visitatori Online:                                                                                                                                                                                                          Accessi Totali:

www.forzanovara.net - il primo portale dedicato al Novara Calcio e a tutti i suoi tifosi
© ForzaNovara - All Rights Reserved-Copyright © 2015-2020  -  email info@forzanovara.net
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel